I FRATELLI BRAIDOT E OLYMPIA F1-X AL CAMPIONATO DEL MONDO XCO

Il momento culminante di un’intera stagione è ormai arrivato. I migliori bikers del pianeta sono tutti a Cairns, in Australia, sabato si lotta per la maglia dei sogni. Fra i contendenti ci sono anche i gemelli goriziani Luca e Daniele Braidot con le loro fiammanti F1-X, le nuove biammortizzate di Olympia già testate con ottimi riscontri nelle ultime competizioni.

Luca, miglior azzurro nell’ultima prova di World Cup, è già sceso in pista mercoledì nel Team Relay, prova in cui la nazionale italiana si è piazzata al sesto posto.

Ma la mente è fissa all’appuntamento di sabato, quella che deciderà chi sarà l’atleta che indosserà la maglia di campione del mondo di cross country per i prossimi 12 mesi.  

Si gareggia su un percorso polveroso di 4,3 chilometri, che parte veloce e poi s’imbizzarrisce con tratti ripidi e tecnici che fanno da preambolo alla salita centrale, irta di ostacoli naturali. Fondamentale arrivarci in buona posizione. Nella lunga discesa i fratelli Braidot potranno contare sulla loro spiccata anima acrobatica, a cui dovranno dare fondo anche nel successivo tratto, disseminato di sponde e dossi. I giri da compiere saranno sette.

Qui le cose da fare sono veramente poche - scrivono i Braidot Twins -: spingere, spingere, spingere e provare a bere un sorso d’acqua”.

Luca sarà al via con il numero 26, Daniele con il 38.

Il campionato del mondo inizierà alle 14,30 australiane, le 6,30 del mattino in Italia.

---

Il telaio di F1-X  è un monoscocca in carbonio che sfrutta le peculiarità delle fibre di ultima generazione T1000, T800, T700e M40J. La caratteristica principale è il carro posteriore liberato di uno snodo che, sfruttando la deformazione delle fibre di carbonio, risulta più leggero e performante. La risposta dell’ammortizzatore alle sollecitazioni del terreno è ad intensità progressiva. Inoltre, Olympia ha scelto per questo modello un assetto verticalizzato, con il tubo sella inclinato di 74°, per una maggior resa nelle salite ripide. Stabilità e ed estrema maneggevolezza sono garantite dal baricentro ribassato e dal carro da soli 437 mm.




« torna alle news